Penciclopedia

Se la penna vi interessa più della spada

Fino all’ultima goccia: Pelikan 4001 30 ml

Scritto il 1 Aprile, 2020 | da | No Comments

Nella serie di misure sulla capacità (nel senso spiegato qui) delle varie boccette di inchiostro, la scelta di quella da cui partire non poteva che ricadere su quella che forse è (almeno in Italia) la più diffusa, la boccetta dell’inchiostro più comune (il Pelikan 4001) nella forma più comune (la versione da 30 ml). In figura l’esemplare utilizzato.

Boccetta Pelikan 4001 30 ml

Boccetta Pelikan 4001 da 30 ml

Il peso della boccetta a vuoto ed asciutta è risultato 81,93 g. La si è riempita ben oltre la metà (in modo che il pennino fosse totalmente immerso) e si è iniziato a estrarre acqua caricando la prima penna di riferimento (la Pelikan 140) normalmente, vale a dire con boccetta appoggiata sul tavolo in piano e la penna inserita nella boccetta dalla bocca.

A ciascun passaggio si è pesata la boccetta e la penna (il peso della Pelikan 140 vuota ed asciutta è di circa 14,33 g e completamente carica di circa 15.98 g). Nella tabella seguente sono riportati i pesi riscontrati a partire da quando si è iniziato a vedere presenza di aria nel serbatoio per la Pelikan 140 e si è dovuto procedere a mantenere la penna inclinata per pescare da un angolo della boccetta per poter caricare meglio.

boccetta penna carica
89,50 g 15,92 g
88,35 g 15,77 g
87,29 g 15,67 g
86,03 g 15,85 g
85,04 g 15,63 g
84,44 g 15,16 g
84,16 g 14,83 g

Oltre questo livello non c’è più modo di caricare adeguatamente la penna, si può pertanto affermare che il caricamento ordinario assicura un caricamento comodo e completo della penna fino ad un residuo di 6,42 ml (ottenuti da 88,35 g – 81,93 g), ed un caricamento con un minimo di attenzione comunque apprezzabile fino ad un residuo di 2.51 ml (ottenuti da 84,44 g – 81,93 g), equivalente comunque ad oltre tre cartucce corte. Proseguire con la boccetta poggiata in piano non comporta caricamenti significativi (il peso della penna scaricata e sgocciolata è intorno a 14,59 g) e la differenza è compatibile con l’inchiostro che si prende semplicemente per immersione della punta.

Caricamento speciale

Caricamento con la boccetta sdraiata di lato.

Per andare oltre è però possibile sfruttare la forma particolare della boccetta di inchiostro che consente di utilizzarla adagiandola su un fianco come illustrato nella foto precedente, così da andare a pescare nell’angolo. In questo caso però il caricamento diventa più scomodo, la boccetta è abbastanza instabile ed occorre fare attenzione a non rovesciarla (anche se il rischio è poco essendo il residuo abbastanza ridotto). Si riportano nella tabella seguente le misure dei caricamenti fatti in questa posizione.

boccetta penna carica
84,16 g 15,06 g
83,62 g 15,12 g
83,13 g 14,89 g
82,98 g 14,77 g

Come si può vedere anche se in questo modo si riesce a recuperare un altro po’ di inchiostro il caricamento non è mai pieno, e si ferma e sostanzialmente raggiunto il residuo di 1,20 ml (ottenuti da 83,13 g – 81,93 g), un po’ meno di due cartucce corte.

Si può tentare di estrarre parte di questo ultimo residuo caricando la penna tenendo in mano la bottiglia in modo da mandare tutto il residuo in uno spigolo, tenendo la penna inclinata con la stessa mano, per operare sul caricamento con l’altra, ma così si preme il pennino sul fondo e si deve stare attenti. Una volta provato ed estrarre quando possibile (con caricamenti comunque incompleti) il residuo che non si riesce comunque a portar via è di 0,56 ml (ottenuti da 82,39 g – 81,93 g), circa tre quarti di una cartuccia internazionale corta .

Le stesse misure con le varie modalità sono state ripetute con la Duofold (il peso della penna scaricata e sgocciolata è intorno a 22,10 g e completamente carica di circa 24.00 g). In questo caso, avendo un caricamento a pulsante, non si può osservare l’aria nel serbatoio, ma ci si è resi conto di iniziare ad avere un caricamento sub-optimale quando si è iniziato a sentire il risucchio di aria durante il caricamento stesso. Nella tabella seguente le misure eseguite per la situazione con boccetta appoggiata normalmente sul tavolo.

boccetta penna carica
97,10 g 24,00 g
95,45 g 24,02 g
94,09 g 23,32 g
93,88 g 23,28 g
93,02 g 23,18 g
92,14 g 23,06 g
91,38 g 23,03 g
90,09 g 22,19 g
89,98 g 22,90 g
89,26 g 22,90 g
88,65 g 22,83 g
88,15 g 22,70 g
87,88 g 22,82 g
87,28 g 22,58 g
86,95 g 22,45 g
86,83 g  

Il caricamento in questo caso è iniziato a scendere a partire dal massimo nominale di circa 1.9 ml ad un livello molto alto di 12,16 ml (ottenuto da 94,09 g – 81,93 g): circa metà boccetta; ma la penna ha continuato a caricare quantità significative di inchiostro con una riduzione molto meno brusca rispetto alla Pelikan 140, calando sotto il limite della cartuccia corta intorno ai 6,72 ml (ottenuto da 88,65 g – 81,93 g), sotto il quale il caricamento di nuovo era scarsamente significativo (in questo caso il peso della penna scaricata e sgocciolata è intorno a 22,35 g).

Si è poi proseguito a caricare la penna con la boccetta in posizione adagiata per sfruttane la specifica costruzione, ottenendo i risultanti della tabella seguente.

boccetta penna carica
86,83 g 23,30 g
85,85 g 23,21 g
84,94 g 22,71 g
84,51 g 22,57 g
84,22 g 22,52 g
84,02 g  

Si sono ottenute un altro paio di cariche significative, ma si è raggiunto il limite della cartuccia corta quasi subito, con un residuo di 2,58 ml (ottenuto da 84,51 g – 81,93 g).

Si è infine cercato di caricare tutto possibile tenendo la bottiglia con una mano e la penna nell’altra (cosa più facile con un caricamento a pulsante di fondo) per concentrare il residuo in un angolo della boccetta, fermandosi ad un limite di 0,77 ml (ottenuto da 82,70 g – 81,93 g) più o meno il contenuto di una cartuccia corta.

Il riassunto dei risultati finali per la capacità residua è il seguente, a cui sia aggiunge una valutazione della difficoltà d’uso della modalità di caricamento speciale (usare la boccetta piegata su uno dei due lati obliqui laterali), che valuto di tre su cinque dato che la posizione di accesso alla bocca della boccetta è molto vicina alla verticale, e la stabilità della stessa ridotta.

Penna
Normale Attento Speciale Acrobatico Scomodità
Pelikan 140 6,42 ml 2,51 ml 1,20 ml 0,56 ml ***
Duofold De Luxe 12,16 ml 6.72 ml 2,58 ml 0,77 ml ***

Si applica un errore sperimentale di 0.02 ml rispetto alla misura (dovuto all’errore sistematico della bilancia, che ha una precisione del centigrammo), ma questo è del tutto teorico, data la relativa aleatorietà delle definizioni, si consideri pertanto una precisione più realistica quella di un ordine di grandezza in meno (cioè 0,2 ml).

La tabella riassuntiva con tutti i risultati è pubblicata su questo indirizzo.

Comments

Leave a Reply





  • Calendario

    Maggio: 2020
    L M M G V S D
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • Random Image

    Torino2016-14 Firenze2017-09 Firenze-19 Belgium2019-25
  • Meta

  • Tag Cloud

  • Pagine

  • Ringraziamenti

    Si ringrazia Truelite Srl, azienda specializzata in consulenza, formazione e sviluppo su Linux e software libero, per l'ospitalità fornita al sito.
  • Licenza

    Blog sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License
    Creative Commons License