Penciclopedia

Se la penna vi interessa più della spada

Una attribuzione azzardata

Scritto il 6 Febbraio, 2012 | da | 3 Comments

Della riproposizione della nota bufala della macchia di inchiostro di Waterman, e degli errori contenuti in quel vecchio articolo ripubblicato su Penna Vintage ho già parlato in precedenza. Ma se in quel caso si poteva se non altro addurre l’attenuante di aver semplicemente ristampato un vecchio articolo, ci si aspetterebbe, almeno sui contenuti creati per l’occasione, un minimo di attenzione in più alla verifica della attendibilità storica delle affermazioni che si fanno.

Purtroppo, almeno in un altro caso, pare che non sia così, e, sia pure in maniera molto meno plateale, si ritrovano affermazioni azzardate e storicamente senza nessun fondamento. Ora fintanto che si resta nella discussione sulle opinioni personali certe affermazioni possono anche starci, posto che emerga chiaramente che di opinioni si tratta, ma quando vengono scritte su una rivista come se fossero dati di fatto assumuno una rilevanza completamente diversa.

Veniamo al punto: nello scorrere le foto di alcune penne italiane riproposte alla fine dell’inserto, trovo a pag. 42-43 la descrizione di una Artil Ogiva by S.A.F.I.S. nella quale si afferma, riportato testualmente di seguito (il neretto è mio):

Prodotte nell’area industriale di Settimo Torinese, o come in questo caso da S.A.F.I.S., già madre di nomi importanti come The King, Radius, Astura, The Scotland e della prima produzione Omas.

Sulla attribuzione dei marchi Astura e Radius a SAFIS esistono pochi dubbi e comunque il fatto ha delle inequivocabili risultanze documentali. Fino a poco tempo fa invece ne esistevano diversi sull’origine del marchio The King, anche se ormai si può considerare totalmente accertato (ma su questo tornerò in un’altra occasione) che si tratti della stessa azienda, a quanto pare costretta a cambiare nome in SAFIS (Società Anonima Fabbrica Italiana Stilografiche) per la italianizzazione dei nomi imposta dal regime fascista.

Se quindi si può dare per buona la attribuzione alla SAFIS dei marchi Astura, Radius e The King (anche se in realtà The King non era, almeno agli inizi, un marchio, ma il nome dell’azienda), è quantomeno azzardato, se non assolutamente velleitario, definirla la madre della prima produzione Omas.

Penna del dottore "The King"

Se infatti esistono delle testimonianze di un qualche legame fra le due ditte, come il ritrovamento di un catalogo della The King negli archivi della Omas (citato nel libro di Letizia Jacopini) e come la penna del dottore marchiata The King riportata sopra, non si capisce bene sulla base di quale ragione dovrebbe essere stata la SAFIS a produrla per la Omas e non viceversa, tenuto conto che il brevetto è della Omas (come chiaramente mostrato nella foto) e che, particolare non trascurabile, la Omas è stata fondata nel 1925 e la “Società Anonima Pennini King” nel 1926.

Assai poco probabile è pure l’attribuzione della produzione The Scotland, marchio registrato dalla “Stiassi e Tantini” di Bologna nel 1920, alla SAFIS che per sei anni non sarebbe neanche esistita. Sulla produzione di questo marchio ci sono poche certezze, e molti lo ritengono derivante da produzioni esterne attribuite a talvolta a Omas, talvolta a Montegrappa, ed in questo caso anche a SAFIS, ma nessuno finora è stato in grado di confermare queste attribuzioni con una qualche evidenza documentale.

Concludendo pare che l’autore del trafiletto abbia una opinione assai alta della SAFIS (che peraltro ha prodotto penne di altissima qualità). Ma prima di pubblicare affermazioni azzardate sul fatto che sia stata in grado di produrre penne per marchi che esistevano da prima di lei ci vorrebbe come minimo un po’ di ricerca storica portando un qualche riferimento documentale, specie se si fanno delle sparate colossali come quella per cui sarebbe la madre della prima produzione Omas.

Comments

3 Responses to “Una attribuzione azzardata”

  1. Nello
    Febbraio 9th, 2012 @ 12:54

    Ciao forse avrai cancellato il commento ma ti chiedevo in breve, dovendo acquistare una penna stilografica di uso quotidiano buona ma che sia d’immagine. Ho trovato dalle mie parti presso un amatore una Montblanc Mesterstuck 146 nuova con inciso sul cappuccio la scritta western germany. Come prezzo mi sono accorato per 180 euro, che che sia una buona penna qualità/prezzo/prestigio? o mi conviene prendere una più attuale 145 a 300 euro…dimmi per favore.

  2. piccardi
    Febbraio 13th, 2012 @ 11:27

    Non è mia abitudine cancellare i commenti, a meno di comportamenti pesantemente scorretti (come qualcuno che cercava di spacciarsi, tra l’altro in maniera molto maldestra, per un altro per sostenere i propri scarsi argomenti).

    Solo che in genere mi occupo di queste cose nel tempo libero e ultimamente ne ho poco. Ti ho risposto nell’altro commento, dato che con le sparate sulla storia della stilografica la tua domanda ha ben poco a che fare.

    Simone

  3. Un legame interessante | Penciclopedia
    Febbraio 14th, 2012 @ 23:44

    […] SAFIS ha messo sull’inserto “Penna Vintage” (di cui abbiamo già parlato nel precedente articolo), mi è capitato di  notare, sul prezioso testo di Letizia Jacopini sulla storia della […]

Leave a Reply





  • Calendario

    Agosto: 2019
    L M M G V S D
    « Giu    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  
  • Random Image

    imgp7963 img_0064 CollezionePrivata2017-02 Tilburg2017-27
  • Meta

  • Tag Cloud