Penciclopedia

Se la penna vi interessa più della spada

Waterman Edson

Scritto il 15 Marzo, 2012 | da | 8 Comments

Benché non si tratti certo di una novità, essendo la Edson una penna uscita nel 1992, che raggiunge quindi i 20 anni di produzione, ho deciso di dedicare una recensione a questa Waterman perché la considero una delle poche penne moderne veramente interessanti, ed uno dei migliori candidati nella produzione recente a diventare un modello storico.

Waterman Edson Blue

Una Waterman Edson Sapphire Blue

La penna venne creata in celebrazione di un qualche anniversario di cui ormai ho perso ogni traccia e memoria, ed inizialmente si pensava che sarebbe stata prodotta solo in edizione limitata. La penna infatti è numerata (nel mio caso riporta la cifra 041117 sul lato destro della clip), ma la produzione non è stata interrotta per vari anni, e dopo qualche tempo alla versione originale (solo blu) si affiancarono la versione rossa e quella verde.

Le edizioni limitate sono comunque venute in seguito per vari anniversari dell’azienda (120°, 125°) ed ultimamente è stata pure prodotta una versione nera con finiture e cappuccio in metallo bianco. Ma quella a cui faccio riferimento in questa recensione è la versione originale di colore blu, che oggi non è più in produzione, e che resta a mio avviso parecchie spanne sopra tutte le successive, soprattutto rispetto alle costosissime edizioni limitate con le loro inutili e nocive aggiunte di elementi decorativi di scarso interesse.

Il punto di maggiore forza di questa penna infatti è il design che incarna perfettamente lo stile  “streamlined” introdotto nel 1929 dalla Sheaffer con il modello Balance. A differenza di tutte le altre penne con forme  affusolate (la classica linea a sigaro o siluro) le curve restano continue, senza appiattimenti nel centro del corpo, senza interruzioni per verette decorazioni o pomelli, senza il taglio radicale della punta grazie al pennino conico intarsiato ed all’alimentatore che fa parte integrante della sezione.

La purezza e la semplicità delle linee, che vengono mantenute sia dal cappuccio, in un blocco unico di ottone satinato, che dalla clip, che corrisponde alla curvatura del corpo della penna,  sono la caratteristica vincente di una stilografica che risplende nella totale assenza di qualunque elemento decorativo esterno.

Altrettanto d’impatto è il contrasto fra il profondo blu traslucido del corpo e l’oro del cappuccio, che viene ripreso anche nelle linee del pennino. Unico elemento decorativo resta, a penna aperta, l’intarsio sulla sezione che riprende in simmetria il disegno della clip e crea una continuità di linee con il pennino. La penna resta equilibrata anche nello stacco della sezione dal corpo, rientrante per il tanto che basta a consentire una continuità di linee a cappuccio chiuso, e resta discreta anche la presenza dei dossetti dorati leggermente sporgenti per l’incastro sul cappuccio.

Infine il materiale è decisamente originale, una particolarissima resina plastica realizzata in un doppio strato che consente di ottenere un incredibile effetto di traslucenza/trasparenza dei bordi ed una profondità di colore molto più interessante sul piano estetico della solita riproposizione di sgargianti imitazioni della celluloide. Finalmente un uso dei materiali moderni per creare qualcosa di nuovo. Inoltre l’aver mantenuto l’essenzialità nei colori si dimostra di nuovo una scelta stilisticamente vincente.

Ma al di là dello stile, ciò che conta davvero in una penna è la scrittura, che spesso purtroppo non è all’altezza della ricercatezza delle decorazioni e delle finiture. In questo caso, invece la qualità di scrittura è assoluta e la Edson era accreditata come una delle poche penne che hanno un diverso alimentatore per ciascuna misura di pennino.

La scrittura risulta infatti scorrevolissima nonostante la rigidezza estrema del pennino (che non poteva comunque essere realizzato altrimenti). E’ la sola penna di produzione “occidentale” che non sfigura minimamente nei confronti delle concorrenti giapponesi. Oltre alla scorrevolezza la penna risponde sempre prontamente e scrive immediatamente anche dopo vari giorni di inutilizzo.

Esempio di scrittura di una Waterman Edson

Esempio di scrittura di una Waterman Edson

Nella scansione precedente viene riportato un test di scrittura eseguito con un Jentle Ink Blu/Nero della Sailor su un blocco Pignastyl. Il pennino è un fine con un flusso ben regolato anche se un pelino generoso, e la penna risulta ben equilibrata sia con che senza cappuccio, anche se chi ama le penne leggere preferirà la seconda opzione, che rende la penna molto più leggera e maneggevole.

Unica nota dolente, oltre ovviamente un prezzo non indifferente (trattavasi comunque della penna di maggior pregio della Waterman), è il caricamento, a cartuccia/converter, anche se il converter è molto raffinato e realizzato specificamente per questo modello in metallo e plastica con gli stessi colori della penna (blu e oro). Devo comunque riconoscere che un caricamento più sofisticato come uno stantuffo avrebbe imposto una rottura delle linee del corpo, ed in questo caso usare cartuccia/converter è un compromesso che sono disposto a accettare.

Veniamo infine al solito rituale del giudizio espresso in voti, ricordando ancora una volta al lettore di prenderli con la dovuta cautela, essendo il risultato, in particolar modo quello dell’aspetto, dettato dalle personali preferenze dell’autore:

  • aspetto: 10.0 (una delle penne più belle mai realizzate)
  • scrittura: 9.5 (perfetta, peccato non possa essere flessibile)
  • sistema di caricamento: 7.0 (cartuccia e converter dedicato)
  • qualità/prezzo: 7.5 (costo elevato, ma penna di valore)

Per concludere si tratta della sola penna moderna della quale mi sia innamorato a prima vista e per la quale sia stato disposto a spendere quanto avrei speso per una antica. Un valore che per fortuna, a giudicare dalle quotazioni su Ebay, pare anche mantenersi nel tempo.

Si ringraziano gli amici della Casa della Stilografica per aver messo a disposizione le fotografie usate nell’articolo.

Comments

8 Responses to “Waterman Edson”

  1. Recensione Pilot Art Craft | Penciclopedia
    Dicembre 18th, 2013 @ 18:04

    […] il classico stile affusolato originario della Balance del 1929. Esteticamente è, insieme alla Waterman Edson, una delle penne più belle presenti sul mercato ed il successo è dimostrato dalla longevità […]

  2. Carmine
    Dicembre 15th, 2014 @ 12:59

    Ciao possiedo uns edson blu ed in ufficio me l hanno fatta cadere per terra e si è rotta la lacca blu in alto. Come posso fare per sostituirla? Grazie Carmine

  3. piccardi
    Dicembre 19th, 2014 @ 12:05

    Per l’assistenza conviene che ti rivolgi al tuo negozio, o ti affidi ad un riparatore professionista. Per maggiori informazioni ti consiglio di chiedere sul forum di fountainpen.it (referenziato nei collegamenti su tutte le pagine), li potrai senz’altro avere un sacco di consigli.

  4. piccardi
    Marzo 31st, 2015 @ 16:28

    Errata corrige: la Edson blu è attualmente in produzione, dopo essere sparita per molto tempo da sito della Waterman è tornata nel suo splendore. Non so se l’informazione che mi avevano dato (ottenuta da un rivenditore) era semplicemente errata, oppure relativa ad un fermo effettivamente avvenuto della produzione. Comunque ad oggi la penna è di nuovo disponibile.

  5. Paolo
    Gennaio 24th, 2018 @ 15:36

    Io la comprai (nuova) poco dopo l’introduzione.
    Il cappuccio e’ plastica e siccome entra a pressione rapida sviluppo’ rapidamente un taglio di 1 cm
    Il convertitore pure si e’ subito guastato e goccia a fontana
    Tristemente rimasta in un cassetto.
    Non capisco queste review con lodi sperticate

  6. piccardi
    Gennaio 28th, 2018 @ 15:37

    Il cappuccio e’ plastica e siccome entra a pressione rapida sviluppo’ rapidamente un taglio di 1 cm

    Non so quale sia la Edson con cappuccio in plastica di cui sta parlando. La mia il cappuccio ce l’ha, come quella mostrata nella foto, in robustissimo e relativamente pesante ottone. Entra in maniera dolce grazie ai blocchi a molla (in ottone anche essi) posti sulla sezione ed è in perfette condizioni dopo ben oltre 10 anni.
    Quello che non capisco io invece è come si possa scambiare una Edson con una penna con cappuccio in plastica…

  7. Zino Giambattista
    Febbraio 14th, 2018 @ 13:22

    Ho anche io una Edson dal 1995 e funziona perfettamente. Il cappuccio è in metallo ed ha all’interno un meccanismo per la compensazione della pressione. Il nome fa riferimento a Lewis Edson Waterman l’inventore della penna con serbatoio autonomo.

  8. piccardi
    Febbraio 14th, 2018 @ 14:54

    Un piccolo appunto, Lewis Edson Waterman era il fondatore della Waterman, ma non lo qualificherei come l’inventore della penna con serbatoio autonomo, anche se questo viene scritto in un sacco di libri e siti. Al più è l’inventore dell’alimentatore multicanale, ma di penne e serbatoio autonomo funzionanti ne esistevano già parecchie (tipo Wirt ed Holland) prima della nascita della Waterman.

Leave a Reply





  • Calendario

    Novembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ott    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
  • Random Image

    imgp7957 snorkel-valiant-green-section Milano-33.jpg Bologna2015-47
  • Meta

  • Tag Cloud

  • Pagine

  • Ringraziamenti

    Si ringrazia Truelite Srl, azienda specializzata in consulenza, formazione e sviluppo su Linux e software libero, per l'ospitalità fornita al sito.
  • Licenza

    Blog sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License
    Creative Commons License