Penciclopedia

Se la penna vi interessa più della spada

Trovare le penne antiche: i mercatini antiquari

Scritto il 17 Agosto, 2010 | da | 2 Comments

Vorrei iniziare con questo articolo un piccolo ciclo su dover cercare (e trovare) penne antiche, esaminando alcuni possibili luoghi. Questo ovviamente dal punto di vista del collezionista, dato che non sono un rivenditore professionale, che certamente avrà qualche trucco in più nella manica, che purtroppo non conosco, o che non posso usare.

Quando ho iniziato ad appassionarmi di stilografiche, troppi anni fa, la mia fonte principale di “approvvigionamento” erano i mercatini antiquari. Non erano una grande fonte, sia perché le stilografiche antiche non sono molto comuni, e sia perché sospetto che anche allora i pezzi migliori venissero comunque rastrellati dai rivenditori professionisti. D’altronde per un rigattiere/antiquario non esperto del mestiere è probabilmente più semplice rivolgersi a qualcuno che conosce e che tratta la materia.

Per questo motivo non posso certo dire di aver fatto grandi affari, anche se allora qualcosa ogni tanto si trovava. Di certo non ho mai trovato il pezzo raro di grande valore comprato per poche lire, ma ogni tanto qualche stilografica interessante saltava fuori, e comunque il piacere della ricerca ed il divertimento di girare fra le bancarelle ripagava il tempo speso.

Nonostante il rivangare i bei tempi andati non sia nelle mie corde, devo purtroppo riconoscere che oggi non è più così, e che anzi il mercato antiquario è probabilmente il luogo peggiore per la ricerca di penne antiche.

La mia esperienza recente (neanche tanto, ormai sono vari anni che è così) infatti è che, anche le rare volte che capita di trovare delle penne, sembra che la stilografica sia ormai considerata tutti gli antiquari un oggetto raro e prezioso di per sé, per cui finiscono col chiederti decine di euro per qualunque schifezza malconcia che assomigli vagamente ad una penna, anche se poi l’oggetto non varrebbe neanche il tempo eventualmente impiegato a tentare di farla funzionare.

Se poi la penna è dotata di marchio noto, non ci vuole niente a sentirsi chiedere anche delle centinaia di euro. L’ultima volta che ho trovato qualcosa sul banco di un espositore di un mercatino, ormai parecchi mesi fa, erano due Parker Vacumatic ordinarie, entrambe non funzionanti, in condizioni mediocri  ed una delle quali aveva pure il pennino molato. Nonostante questo mi son sentito chiedere cento euro cadauna e quando ho fatto notare i difetti mi son pure sentito rispondere che erano penne rare di grande valore e che cercavo di tirare sul prezzo.

Posso capire che un antiquario non esperto tema di dar via qualche pezzo raro per pochi spiccioli e per questo, visto che comunque ci sono penne antiche che valgono quelle cifre (ed anche cifre molto più esagerate) tenga il prezzo alto. Ma non capisco l’ignoranza, o meglio la pretesa di sapere le cose quando si è evidentemente ignoranti al riguardo. Oggi con una breve consultazione su internet si sarebbe potuto vedere in maniera assolutamente chiara che una penna del genere funzionante si ottiene facilmente per meno di 100 dollari.

Si può pensare che possa andar meglio trovando un antiquario che ha almeno una certa esperienza (ed un po’ di assortimento) in penne. A parte il fatto che ve ne sono pochissimi (nella mia zona ne conosco uno solo che le abbia sempre, altri che ogni tanto se ne procurano qualcuna) la mia esperienza, sia pure limitata, è di nuovo estremanente negativa. Tutti quelli che ho trovato con delle penne nei mercatini antiquari richiedevano prezzi assolutamente esosi e totalmente fuori mercato rispetto a quanto chiesto in un qualunque pen-show, anche prendendo come riferimento i pen show italiani che sono fin troppo cari (su questo torneremo in seguito).

In definitiva il mito del sumgai mi pare oggi sempre più lontano dalla realtà e per i collezionisti i luoghi dove cercare delle penne antiche a buon mercato (e con un po’ di assortimento)  sono ormai molto diversi. Cercherò di parlarne ancora più avanti.

Comments

2 Responses to “Trovare le penne antiche: i mercatini antiquari”

  1. Trovare le penne antiche: i mercatini antiquari | Penciclopedia : Mercatini Antiquariato
    Agosto 24th, 2010 @ 03:55

    […] See original here: Trovare le penne antiche: i mercatini antiquari | Penciclopedia […]

  2. piccardi
    Agosto 25th, 2010 @ 22:50

    Non ho capito se è spam o altro, ma è pur sempre una citazione …

Leave a Reply





  • Calendario

    Marzo: 2019
    L M M G V S D
    « Gen    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • Random Image

    imag0040 Colonia2015-12.jpg Milano2017-17 CollezionePrivata2017-08
  • Meta

  • Tag Cloud