Penciclopedia

Se la penna vi interessa più della spada

Foto Pen Show Bologna 2014

Scritto il 23 November, 2014 | da | No Comments

Un po’ di foto, non molte purtroppo…

Resoconto Pen Show di Torino 2014

Scritto il 17 October, 2014 | da | No Comments

Torino2014-01Lo scorso sabato, 11 Ottobre, si è tenuto il secondo Pen Show autunnale di Torino, ed una sostanziosa delegazione toscana di iscritti del forum (ridottasi purtroppo per inconvenienti dell’ultimo minuto) ha fatto in modo di essere presente.

Ma ancora prima del Pen Show, la giornata è iniziata nel migliore dei modi con una visita al “magazzino” di Paolo (immediatamente ribattezzato come “antro delle meraviglie”) che ci ha mostrato anche qualche perla della sua collezione come questa meraviglia di Duplex De Luxe con matita e scatola originale:

IMG_7320

Una Duplex con matita e confezione originale

 

E poi anche questa chicca, una delle primissime pubblicità del peggiore nemico della stilografica, la prima biro arrivata in Italia, realizzata su una originale retina semitrasparente:

Biro

Approfitto dell’occasione anche per ringraziarlo per l’ulteriore contributo da parte di zona900 in foglietti di istruzioni e pubblicità antiche che presto compariranno su FountainPen.it andando ad arricchire il già corposo archivio.

Come lo scorso anno il Pen Show si è tenuto nella bellissima sala del Circolo dei Lettori, messa a disposizione dalla Pro Loco di Torino (magari quella di Firenze fosse così large vedute).  Si tratta di una sala del 1700 con splendidi stucchi e lampadari antichi, che costituisce una “location” bellissima e molto adatta ad un Pen Show.

Fortunatamente quest’anno, a differenza dello scorso, la partecipazione degli espositori è stata adeguata (una quindicina) con alcune presenze internazionali. Anzi una sola in realtà (Tom in Italia lo conto italiano) ma di grande rilievo: David Nishimura, apprezzatissimo (almeno da me) cultore della storia della stilografica, che si era portato dietro questa assoluta meraviglia:

Una Waterman N. 20, con rivestimento in argento filigree

Si tratta di una Waterman n.20, le cui dimensioni (20 cm circa) fanno paura anche alle pur enormi Namiki Emperor, per di più in versione con rivestimento filigree in argento, un esemplare più unico che raro. Molto interessanti comunque anche le altre penne esposte, con una netta predominanza delle marche locali, Aurora in primis.

Ma come sempre un Pen Show è soprattutto una grande occasione per incontrare altri appassionati, ed altri membri del forum che è sempre un gran piacere ritrovare di persona. Il tempo è così volato in chiacchiere e stavolta sono pure riuscito a trovare, fra tante penne italiane che la facevano da padrona, una Soennecken 510 da risistemare ad un prezzo onestissimo.

Alla fine abbiamo passato una bellissima giornata, fra chiacchiere e discussioni, e quest’anno si può senz’altro parlare di un bel successo della manifestazione, grazie alla maggiore partecipazione e ad un orario più ampio rispetto allo scorso anno.

Dopo una grandissima scorpacciata di penne, sarà davver un piacere tornare di nuovo l’anno prossimo, ma per concludere, come digestivo, un po’ di liquori, anch’essi appartenenti alla “dispensa” di Paolo.

Liquori-00Liquori-01

Foto Pen Show Torino 2014

Scritto il 14 October, 2014 | da | No Comments

Un po’ di foto del Pen Show di Torino. Un resoconto, e dell’altro materiale, a breve.

Resoconto Pen Port 2014

Scritto il 12 October, 2014 | da | No Comments

Amburgo2014-06Il Pen Port (il Pen Show di Amburgo) si è tenuto come tutti gli anni il 3 Ottobre  scorso presso il Museo del Lavoro (Museum der Arbeit) nel quartiere di Barnbeck, in coincidenza con la festa nazionale ed il grande mercatino delle pulci che occupa tutti gli spazi intorno al museo stesso.

Il Pen Show resta, per collocazione (il primo piano del museo, in mezzo ad antichi macchinari) e partecipazione uno dei più interessanti d’Europa e quello che, fra i vari che mi è capitato di frequentare, continuo a ritenere il più interessante.

Quest’anno però la presenza internazionale mi è parsa leggermente ridotta, così come quella degli espositori, ma si tratta sempre di numeri (una trentacinquina di banchi) che in Italia sono al momento irraggiungibili. Ho notato anche un leggero aumento dei prezzi (almeno per le penne di fascia bassa) anche se è sempre possibile fare dei buoni affari rovistando nelle scatole alla ricerca di qualche pezzo magari meno noto, ma comunque di ottima qualità.

La fanno come sempre da padrone le penne di casa, Pelikan e Montblanc in primis, quest’anno in maniera ancora più evidente, anche se è presente un buona scelta di americane, grazie anche ad alcuni espositori statunitensi che vengono tutti gli anni. Quasi totale invece il disinteresse per le penne italiane, presenti nel caso con un solo espositore.

Nel mio caso ho comunque avuto l’occasione di cercare (e trovare) qualche carta interessante, comprando qualche pubblicità che con calma, prima o poi, verrà pubblicata sul wiki. Ed anche un resto di una Swan molto malridotta che però mi potrà fare da donatrice del pennino per riportarne in vita un’altra in condizioni nettamente migliori.

Ma acquisti (scarsi comunque) a parte, l’occasione della visita di un Pen Show per me è soprattutto quella di incontrare altre persone, scambiare informazioni e trovarsi di fronte ad alcune penne che difficilmente si possono vedere altrove. Anche in questo caso l’occasione si è rivelata fruttuosa e ho potuto mettere le mani (sia pure solo per il tempo di fotografarle) su alcune penne di straordinario interesse.

La prima di queste penne è questa incredibile Maki-E mostratami da Frank. Si tratta di una Namiki Emperor (la versione enorme, quella che fra sembrare mignon una 149)  realizzata in esemplare unico, una vera opera d’arte della cui magnificenza le mie scarse capacità fotografiche rendono solo una pallida idea.

 

Seguono alcuni pezzi unici Montblanc, per i quali devo un enorme grazie a Max che mi ha permesso di fotografarli; altri il primo è una “demonstrator” 139 da lui ricostruita da parti originali degli anni ’30:

Il secondo è questo prototipo di matita meccanica, originale degli anni ’30, in celluloide nera con righe bianche. Una celluloide splendida, che l’azienda però non ha mai messo in produzione, preferendo restare per le sue penne di fascia più alta, con classico, ma piuttosto funereo, nero.

Il terzo è questa 10 in ebanite rossa, un colore magnifico per una penna altrettanto rara, che trovo bellissima nonostante non apprezzi particolarmente le rientranti:

 

Infine per concludere in bellezza, un’altra serie di penne particolarmente interessanti, specie per un fiorentino come me: alcune Tibaldi messe a disposizione da Emmanuel, le stesse che compaiono sul libro di Letizia Jacopini, fra cui spicca questa fantastica flat-top in ebanite gialla e verde. Presumibilmente un prototipo, visto che è l’unica di cui si conosce l’esistenza.

Ma insieme a quella Emmanuel aveva qualche altro piccolo capolavoro Tibaldi, che rende idea della qualità della celluloide usata dall’azienda per le sue penne e della qualità dei suoi prodotti:

Certo può sembrare strano andare ad Amburgo per trovare dei capolavori di una azienda di Firenze, ma anche questo è uno dei casi che si possono incontrare girando per Pen Show.

Foto Pen Port 2014 (Amburgo)

Scritto il 8 October, 2014 | da | No Comments

Un po’ di foto dal Pen Show di Amburgo dello scorso 3 Ottobre. Un resoconto più dettagliato a breve.

Foto Pen Show Firenze

Scritto il 19 May, 2014 | da | No Comments

Il Pen Show è stato molto intenso, ma qualche foto almeno nelle fasi più calme, sono riuscito a prenderla…

Pen Show Norimberga 2014

Scritto il 18 May, 2014 | da | No Comments

Lo scorso 10 Maggio  si è tenuto, in anticipo rispetto all’anno scorso (di solito si teneva a Giugno) il Pen Show di Norimberga. Benché si tratti comunque di una manifestazione di dimensioni (almeno in termini di espositori) superiore a qualunque manifestazione italiana, quest’anno l’ho trovato decisamente sotto tono.

Era infatti praticamente nulla, con un paio di eccezioni italiane, la componente straniera (totalmente assenti gli americani), e le penne erano sempre concentrate, in maniera stavolta anche troppo monotona, sulle solite Pelikan e Montblanc. Per di più in questa occasione alcuni dei più rilevanti venditori tedeschi erano assenti, ed inoltre i prezzi mi sono sembrati più alti rispetto non solo rispetto all’anno scorso ma anche alla recente edizione di Colonia.

Unite a questo il fatto che la sala, nonostante una giornata di sole, si è dimostrata lo stesso molto poco luminosa, e che stavolta non si trovavano i soliti cassetti di penne minori dove si possono fare affari interessanti, e che pure i prezzi delle penne di fascia più bassa sono diventati salati, ed ecco che il risultato finale si è dimostrato purtroppo deludente.

Qualche penna interessante c’era senz’altro, ma tutto sommato nulla di neanche lontanamente paragonabile con quanto visto a Colonia. Per fortuna Norimberga è una bellissima città.

 

Pen Show Colonia 2014

Scritto il 2 May, 2014 | da | No Comments

Con un po’ di ritardo pubblico un breve resoconto dell’ultima edizione del Pen Show di Colonia, tenutosi lo scorso 5 Aprile. Dopo un anno di pausa sono tornato a quello che per il momento si presenta come il più grande fra i Pen Show tedeschi e senz’altro uno dei più grandi fra quelli europei.

Dopo che lo scorso anno venne quasi cancellato, e riorganizzato all’ultimo momento in un luogo diverso, ed anche quest’anno invece che nella relativamente angusta sala del tennis club in riva al fiume, è stato organizzato in una grande sala conferenze di un hotel in riva al lago di un grande parco della città.

colonia-16

Pen Show Colonia

Una posizione forse meno suggestiva ma il risultato in termini di partecipazione (una quarantina di espositori) è stato nettamente migliore dell’ultima volta che c’ero stato. Interessanti come sempre le penne presenti, con il solito dominare delle tedesche, e con qualche partecipazione americana. Limitatissima la pattuglia italiana, con un solo espositore.

Ma a parte la ricerca delle occasioni (con un po’ di pazienza si riescono a fare ottimi affari, specie se non si cercano gli esemplari rari) la parte più interessante di ogni Pen Show, almeno per me, è quella delle relazioni con altri collezionisti ed appassionati, e la possibilità, ogni tanto, di poter ammirare direttamente veri pezzi da museo.

Ed anche quest’anno è stato un piacere ammirare le meraviglie che Frank si era portato dietro. In questo caso non si tratta più di penne di casa, ma di esemplari che arrivavano da molto lontano, il Giappone. E ancora una volta, mi trovo a riproporre un “Frank Pens” Show stavolta centrato su una favolosa serie di Maki-e la cui bellezza non viene resa che parzialmente dalle mie scarse capacità fotografiche.

Si parte da una prima penna da signora con disegno di ventagli:

segue una seconda penna con signora decorata con paesaggio del monte Fuji:

poi un flat-top con un disegno di “katana”:

ed una con una fantastica ragnatela:

Chiude infine un capolavoro, una maki-e classificata come di grado “A”, il massimo per la ricchezza delle decorazioni, con un disegno di gru:

Per chi volesse ammirare queste penne, per quel poco che lo consente la qualità non eccelsa delle mie fotografie, alla massima risoluzione, rimando alla galleria presente sul wiki, e raggiungibile all’indirizzo:

http://www.fountainpen.it/Categoria:Pilot_Photos

Recensione TWSBI Classic

Scritto il 20 April, 2014 | da | No Comments

TWSBi Classic

Una TWSBI Classic Shaffire

La Classic è una delle ultime arrivate nella linea di produzione della casa Taiwanese, che ancora una volta ha prodotto una penna con caricamento a stantuffo molto interessante ad un prezzo accessibile.

Rispetto alla sorella maggiore 580, la Classic è più sottile e presenta solo una finestrella trasparente per la visualizzazione del livello di inchiostro.

Il materiale è il solito policarbonato, stavolta presentato in tre diversi colori lucidi, nero, burgundy e shaffire (blu). Come sulle altre TWSBI il capuccio è con chiusura a vite, e non calza sul retro.

La lavorazione è impeccabile, e la penna da un’ottima sensazione di robustezza, che però dovrà essere provate nel tempo, ma va sottolineato che in caso di problemi (che si sono manifestati nei modelli precedenti) l’azienda spedisce a casa a sue spese i pezzi di ricambio. Dato che la penna è completamente smontabile, come tradizione della TWSBI, eventuali sostituzioni possono essere effettuate facilmente.

Sul piano estetico la Classic presenta delle linee semplici (con una clip rinnovata) ma molto gradevoli ed eleganti, almeno per i miei gusti. E’ caratterizzate da un corpo quadrato a spigoli arrotondati analogo a quello delle Visconti Wall Street ed Opera (che la Visconti ha chiamato “quadratura del cerchio” ), ma che in realtà non è altro che il design con cui vennero  realizzate negli anni ’30 le  Doric da segretaria/telefonista.

Al corpo squadrato corrisponde una sezione tonda per una presa più facile; lo scalino con la filettatura che divide le due parti cade nella posizione più appropriata, non disturbando minimamente l’impugnatura, ferma ed efficace nonostante il diametro inferiore rispetto alla 580. La penna, da usarsi come accennato senza cappuccio calzato, è perfettamente equilibrata e molto leggera, cosa che la rende molto comoda da usare.

Test scrittura Twsbi Classic

Test di scrittura della TWSBI Classic

Il pennino (ho provato un EF) è il classico pennino in acciaio della TWSBI, di produzione Jowo, è molto rigido (premendo non si ha nessuna variazione di tratto) ma presenta un’ottima scorrevolezza ed un flusso tendente all’abbondante.  Questo fa si che il tratto non sia altrettanto sottile rispetto a quello che ottengo con la mia vecchia 540 dotata di pennino Boch.

Il flusso si è dimostrato equilibrato e costante e pur nei limiti di una prova per intizione non ho rilevato nessun salto e nessuna falsa partenza, anche facendo ghirigori alla massima velocità possibile. La scrittura è piacevole, la penna è stata fatta per scrivere e si sente.

Riassumendo, e riproponendo la solita pagella della penna, poco originale, ed assolutamente arbitraria (nel senso che i voti rappresentano i miei gusti personali) direi che si tratta di un modello economico adatto a tutti, che offre un’estetica molto gradevole, un sistema di caricamento tradizionale ed un ottima usabilità:

  • aspetto: 8.5 (una linea gradevole, semplice ed elegante)
  • realizzazione: 8.5 (ottimi materiale e finiture, lavorazione ineccepibile)
  • scrittura: 7.5 (un EF rigido, ma molto scorrevole, ancorché non finissimo!)
  • caricamento: 8.5 (uno stantuffo ben realizzato e completamente smontabile)
  • qualità/prezzo: 9.0 (un buonissimo prezzo per una penna a stantuffo)

Di nuovo concludo con i ringraziamenti a Marco Moricci e alla Casa della Stilografica che mi hanno messo a disposizione la penna per le prove, ed mi hanno fornito le fotografie della stessa usate nell’articolo.

Foto Pen Show Colonia

Scritto il 9 April, 2014 | da | No Comments

Intanto un po’ di fotografie, un resoconto più dettagliato seguirà più avanti appena trovo un po’ di tempo…

keep looking »
  • Calendario

    November 2014
    M T W T F S S
    « Oct    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
  • Random Image

    img_0591 img_0625 amburgo2012-47 firenze2012-86
  • Meta

  • Tag Cloud

  • Pages

  • Ringraziamenti

    Si ringrazia Truelite Srl, azienda specializzata in consulenza, formazione e sviluppo su Linux e software libero, per l'ospitalità fornita al sito.
  • Licenza

    Blog sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License
    Creative Commons License
  • Ads